Home Articoli in Evidenza La figlia della No Vax stabiese morta di Covid: «Curata a casa,...

La figlia della No Vax stabiese morta di Covid: «Curata a casa, ora andrò a fare il vaccino»

Due amiche, Francesca e Cinzia, sono morte a Napoli a distanza di alcuni giorni. Erano entrambe No vax e sono finite stroncate dal Covid. Le due donne vivevano nello stesso appartamento a Napoli al parco Ferrovieri a Fuorigrotta. Cinzia, 54 anni, è morta sabato scorso. Trasportata, a causa dell’aggravarsi delle sue condizioni, dall’ospedale San Leonardo di Castellammare di Stabia al Cotugno di Napoli, per lei nulla da fare. Franca, 71 anni, ex dipendente del Calcio Napoli, e affetta già da un’altra grave patologia, era invece deceduta, sempre nell’ospedale infettivologico napoletano, lo scorso 22 novembre.

Secondo quanto riferito da chi le conosceva, erano convinte sostenitrici delle tesi No vax. «Avevano paura del vaccino – racconta Angelita, figlia di Francesca – ed erano anche convinte che sul virus ci fossero tante comunicazioni sbagliate. Facevano spessissimo il tampone, ed entrambe erano contente così. Cinzia aveva il terrore e mamma non voleva lasciarla da sola. Le ho gestite io al telefono con il protocollo che mi avevano dato in ospedale».

«Cortisone, antibiotici e negli ultimi giorni anche ossigeno con un infermiere che andava a casa due volte al giorno. Per costringerle ad andare in ospedale le ho minacciate. Cinzia non riusciva neanche più a parlare per la tosse. E alla fine si sono messe in auto e da sole sono andate. Io abito e lavoro a Rimini, seguivo tutto a distanza. Fino a quando dall’ospedale ho saputo che mamma non ce l’aveva fatta».

E sul vaccino dice: «Non sono integralista come mamma. Ero e resto molto dubbiosa, ma il dolore è talmente grande che corro a farlo. Mi sono già prenotata per la settimana prossima. A mamma che aveva patologie polmonari ho anche consigliato di farlo, ma lei non ne voleva sapere. Sinceramente non potevo assumermi la responsabilità».

Posting....
Exit mobile version