Era diventato il terrore degli anziani di Sorrento (Napoli), con cinque persone finite nella sua rete tra maggio e giugno scorsi. Ora la svolta. I carabinieri della locale compagnia hanno infatti eseguito un’ordinanza applicativa della misura cautelare della custodia in carcere. L’ha emessa dal gip di Torre Annunziata su richiesta della Procura oplontina. In manette e’ finito un 25enne napoletano: e’ accusato di avere commesso sei truffe aggravate in danno di cinque anziani. Convinti attraverso raggiri a consegnargli denaro e oggetti in oro. Il primo episodio contestato risale a maggio, quando il truffatore, dopo avere contattato telefonicamente la vittima di 92 anni fingendo suo nipote, si era fatto consegnare numerosi oggetti in oro. Tutto per un valore di alcune migliaia di euro.

In un’altra occasione, il mese seguente, il venticinquenne avrebbe raggirato due volte la stessa vittima di 85 anni. Da lei avrebbe ottenuto prima 3.800 e poi 2.000 euro, fingendo di essere il direttore dell’ufficio postale. Successivamente ripresentandosi alla porta della vittima nella qualita’ di ”corriere”. Sempre a giugno commesse altre tre truffe, nel corso delle quali il malvivente aveva telefonato alle ignare vittime fingendo di esserne il nipote e chiedendo loro di consegnare somme di denaro, non inferiori a 2.000 euro ad un corriere che poco dopo si sarebbe recato a casa loro a portare svariati beni (un windsurf, una centralina per computer etc.).