A Via Caldieri al Vomero, nella notte tra il 9 e il 10 dicembre, i carabinieri della compagnia locale hanno notato steso sull’asfalto, con gambe e piedi che spuntavano dal sotto-scocca, un uomo mente tagliava il catalizzatore di un’auto per estrarre il palladio. A pochi metri di distanza, il «palo», mentre il terzo complice era situato nell’abitacolo del veicolo. Intervenuti tempestivamente, i carabinieri si sono assicurati che nessuno riuscisse a fuggire: necessario l’intervento di più pattuglie per bloccare i tre malviventi. I tre uomini sono così finiti in manette per tentato furto aggravato.

Si tratta di Claudio Buono, 52enne di Scampia già in libertà vigilata, Bruno Testa, 41enne di Arzano e e Francesco Conza, 48enne dei «ponti rossi». Tutti già noti alle forze dell’ordine attendono ora giudizio. Sequestrati gli attrezzi utilizzati per lo scasso. Una piaga, quella dei furti di marmitte, che sta diventando molto forte a Napoli ed in provincia. Sono decine, se non centinaia, gli episodi simili segnalati.