Un detenuto nel carcere di Avellino ha dato fuoco alla cella in cui è ristretto provocando un vasto incendio. Ed ha messo a repentaglio l’incolumità dei quindici detenuti del Reparto isolamento e degli agenti della Polizia penitenziaria in servizio. Ne dà notizia il segretario della Campania de sindacato autonomo Sappe, Emilio Fattorello. Il detenuto ha creato nella cella che condivide con un altro detenuto un vero e proprio falò. Utilizzando lenzuola, coperte e bombolette di gas. Il fumo si è diffuso rapidamente all’interno del reparto e grazie al tempestivo intervento di tre agenti, che hanno utilizzato un idrante, il fuoco è stato spento. Lo stesso detenuto in precedenza si era reso protagonista di un’aggressione nei confronti di un agente.

Ancora problemi in cella, dunque, con i sindacati delle forze dell’ordine che continuano a chiedere interventi e sostegno alla polizia penitenziaria. Ormai i casi sono pressochè quotidiani e mettono in pericolo chi lavora.