Agguato nella notte a Napoli. Un pregiudicato di 35 anni, Gennaro Matteo, originario di Cercola e residente Portici, ma presente a Ponticelli. Il quartiere orientale del capoluogo campano attraversato da fibrillazioni tra clan, è rimasto ucciso a colpi di pistola. L’agguato in viale Luca Pacioli, nei pressi del Lotto Zero. Una decina di proiettili lo hanno colpito e inutile il trasferimento da parte del 118 al vicino Ospedale del Mare. Qui è morto poco dopo il ricovero. Nel 2015 Matteo finì arrestato con due ragazzi per possesso di armi. La vittima non era legata attivamente a cosche, ma nella zona e’ in corso una ‘guerra’ tra i De Luca Bossa-Minichini e i De Micco-De Martino che nei mesi scorsi ha raggiunto un livello molto violento con ordigni artigianali fatte esplodere tra auto in sosta e raid intimidatori con spari di avvertimento.

La salma di Matteo e’ stata sequestrata e sara’ sottoposta ad autopsia. Indagini dei carabinieri in corso per provare ad individuare gli autori del raid. La zona è diventata nuovamente, quindi, terreno di sangue di camorra.