Encomio solenne per il brigadiere dei carabinieri, nato a Torre Annunziata, Maurizio Sabbatino. Ferito nel tentativo di sventare una rapina in farmacia, lunedì a Torino, nonostante fosse libero dal servizio e disarmato. Il comandate generale dell’Arma, generale Teo Luzi, ha tributato al militare l’attestazione di merito per il “chiaro esempio di elette virtù militari e altissimo senso del dovere”. Ferito da quattro coltellate al torace e a una gamba, Sabbatino ha “agito con esemplare iniziativa e eccezionale coraggio. Benché disarmato e libero dal servizio, non esitando ad affrontare due rapinatori armati di pistole, successivamente risultate delle repliche. Poi lo hanno più volte accoltellato al torace e a una gamba”, si legge nelle motivazioni dell’encomio solenne. È il comandante generale dell’Arma ha tributato al brigadiere Sabbatino, del Nucleo Operativo della Compagnia Oltre Dora.

I due rapinatori, un 16enne e un 18enne, si sono costituiti poche ore dopo l’aggressione. Il minorenne si trova in un Centro di Prima Accoglienza. Quanto al Brigadiere Sabbatino, ricoverato in ospedale, le sue condizioni sono stabili. Ma la prognosi resta riservata.