I Carabinieri del Comando Provinciale di Napoli hanno posto in esecuzione ordinanza applicativa della misura cautelare della custodia in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli. Al termine di attività investigativa coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia partenopea, nei confronti di Giuseppe Robustelli e Charles Di Martino. I due ritenuti gravemente indiziati dei reati di detenzione e porto in luogo pubblico di esplosivi e danneggiamento. Con l’aggravante del metodo mafioso. L’indagine nasce a seguito del danneggiamento dell’attività commerciale denominata “Sfizi di Pane Marigliano”, ubicata al civico 77 di via Ferrara a Napoli. I fatti si sono verificati alle 3:30 del 20 aprile 2020.  Avvenne la deflagrazione di un ordigno esplosivo rudimentale collocato presso il suddetto esercizio.

La visione delle immagini estrapolate dai diversi sistemi di video sorveglianza presenti in zona consentiva di individuare l’autovettura utilizzata dagli autori dell’episodio delittuoso. Ricostruendo così l’intero tragitto percorso sia per arrivare in prossimità del panificio sia per allontanarsi dal luogo dell’attentato. Gli occupanti sono identificati anche grazie al fatto che, poche ore prima, erano stati controllati e sanzionati per il mancato rispetto della normativa anti covid nel Comune di Pomigliano D’Arco mentre viaggiavano insieme a bordo della autovettura ripresa dai sistemi di videosorveglianza.