Peggiorano le condizioni della bimba di 6 mesi ricoverata a Cosenza perché positiva al Covid-19. Ieri l’hanno intubata ed è ancora ricoverata nel reparto di neonatologia e terapia intensiva pediatrica dell’ospedale Annunziata di Cosenza guidata dal dottore Gianfranco Scarpelli. La piccola, originaria di Casali del Manco, presenta un quadro clinico complesso, ma al momento stabile. Ha una polmonite interstiziale che ha compromesso il cinquanta per cento dei polmoni. Secondo quanto si apprende, i medici hanno preferito la ventilazione non invasiva fino alla giornata di oggi, ma adesso hanno preso la decisione di intubare per cercare di risolvere il problema.

I medici della terapia intensiva pediatrica del nosocomio bruzio, diretta dal dottor Gianfranco Scarpelli, sono costantemente in contatto con i sanitari dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma, dove hanno già trattato casi simili di neonati affetti da sintomi gravi di coronavirus. “Stiamo facendo di tutto per la piccola – ha detto il dottor. Scarpelli alla nostra testata –  abbiamo iniziato anche la terapia monoclonale. Questo per noi è il primo caso pediatrico, così grave, dall’inizio della pandemia. Da fine agosto ad oggi abbiamo avuto altri cinque casi positivi alla Sars Cov-2 ma presentavano sintomatologie lievi”.