Imu, rottamazione ter e saldo e stralcio, acconto dell’Iva e dei lavori per il Superbonus 110%. Sono tante le adempienze fiscali da qui fino alla fine del mese. Un vero e proprio rush finale agli sgoccioli del 2021, con appuntamenti col fisco ravvicinati. Soprattutto per le rate della cosiddetta “pace fiscale” è fondamentale non perdere il passo, per continuare a beneficiare degli sconti previsti soprattutto sugli interessi. Tutto questo in un momento delicato, in cui l’economia italiana riparte, ma deve anche affrontare un primo rallentamento nella ripresa dovuto all’aumento dei contagi e al diffondersi delle varianti del Covid. Questo il calendario delle scadenze fiscali fino al 31 dicembre.

Entro martedì 14 dicembre bisognerà pagare le rate della rottamazione ter e del saldo e stralcio, la cosiddetta “pace fiscale”. E il pagamento dovrà essere fatto in unica soluzione. Niente rate stavolta. Il pagamento, rispetto al precedente termine, è slittato di 14 giorni (5 di tolleranza più 9 di miniproroga decisa con il decreto fiscale).

Entro il 16 dicembre va invece pagato l’Imu. Da solo porterà all’erario 9,7 miliardi e riguarderà 25 milioni di proprietari di seconde case. Non sono previste proroghe: il saldo dell’Imu 2021 o della seconda rata va pagato entro questa data. Il pagamento non riguarda come sempre la prima casa, a meno che non si parli di immobili di lusso, ma solo abitazioni diverse da quella principale.