Una cittadina di origini cinesi, titolare di un opificio tessile nel comune di Terzigno, denunciata per violazioni in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro. Ed inoltre per avere impiegato “in nero” un connazionale, già irregolare sul territorio nazionale. Risponderà anche dell’installazione abusiva di un impianto di videosorveglianza all’interno dei luoghi di lavoro. La struttura, estesa circa 400 metri quadri, è sotto sequestro. Oltre 31mila euro l’importo delle sanzioni applicate. ù

Denunciato anche un 31enne di Ottaviano per non aver rispettato l’alt imposto dai carabinieri durante un posto di controllo in Via Aielli, nel comune di San Giuseppe vesuviano. Dopo un inseguimento di circa 500 metri, l’uomo è finito bloccato, identificato e poi segnalato all’autorità giudiziaria per resistenza a pubblico ufficiale.