Ancora sangue sparso tra le strade di Napoli. Nella notte tra il 10 e l’11 novembre, nel quartiere Fuorigrotta ucciso a colpi di arma da fuoco il 30enne Andrea Merolla in via Caio Duilio. I killer viaggiavano in scooter e al loro arrivo Merolla aveva provato a nascondersi dietro un distributore. Ma a nulla è servito. Una volta centrato il bersaglio, i killer sono fuggiti via facendo perdere le proprie tracce. Il 30enne  trasportato d’urgenza all’ospedale San Paolo, ha perso la vita poco dopo a causa delle gravi ferite riportate nel raid. La salma è stata trasferita al Secondo Policlinico di Napoli per l’autopsia disposta dalla Procura di Napoli.
“Si tratta del secondo omicidio che avviene in zona a distanza di pochi mesi ed è l’ennesimo sull’intero territorio, dove i morti ammazzati non si contano più. Sembra di essere in pieno Far West dove i criminali si sentono liberi di sparare in strada, anche di giorno e in aree trafficate ed affollate, come se la vita non avesse alcun valore. Il Prefetto, la magistratura, le forze dell’ordine devono tenere sotto controllo la situazione e proteggere i cittadini per i quali oggi determinate strade sono off-limiits.”-ha dichiarato Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli.