Il Comando provinciale della guardia di finanza di Palermo ha scoperto una truffa ai danni di società di noleggio auto, arrestando il presunto organizzatore. Sequestrati 52 veicoli e 820mila euro. La Procura indaga per i reati di truffa, appropriazione indebita, autoriciclaggio e falso in atto pubblico. L’indagato, attraverso alcune società di mediazione a lui intestate, noleggiava auto nei principali aeroporti dell’Isola (Palermo e Catania). Ma anche a Napoli, Roma e Torino, per poi reimmatricolarle a suo nome o a nome delle sue aziende attraverso atti di vendita falsi. Le auto erano infine rivendute a concessionarie e così l’uomo avrebbe intascato la differenza tra il pagamento delle prime rate di noleggio. Oltre al ricavo della successiva rivendita delle auto a prezzo di mercato del seminuovo.

Le fiamme gialle della Compagnia di Bagheria hanno ricostruito 52 episodi di appropriazione indebita di auto di grossa cilindrata. Sequestrata anche la società intestata all’indagato e utilizzata per compiere i falsi passaggi di proprietà. Tra le 52 auto sequestrate anche una Maserati Levante e diverse Audi, rivendute poi presso i concessionari acquirenti in buona fede a cui sono state lasciate in custodia giudiziale.