Nel luglio di quest’anno è sceso a Napoli da Seregno (Monza e Brianza) per noleggiare auto. Ma i clienti si sono presto trasformati in rapinatori, sottraendogli rolex e altri oggetti e intimandogli di assicurare loro la fornitura gratuita di almeno dieci auto. Altrimenti sarebbero saliti in Lombardia per ucciderlo. E’ la vicenda avvenuta tra le province di Napoli e Caserta e scoperta grazie alle indagini dei carabinieri. Arrestati e condotti in carcere tre persone – due italiani di 29 e 43 anni e un romeno 26enne – su ordine del Gip del tribunale di Napoli Nord per i reati di rapina, sequestro di persona e tentata estorsione.

La vittima, un imprenditore di origine calabrese residente in Brianza, ha denunciato il fatto ai carabinieri della stazione di Gricignano d’Aversa. Qui aveva affittato una camera d’albergo proprio in vista della visita in Campania. I militari di Gricignano coordinati dalla Compagnia di Marcianise e dalla Procura di Napoli Nord, hanno quindi ricostruito cosa avvenne il 16 luglio, identificando i responsabili grazie anche alla testimonianza della vittima. In pratica l’imprenditore era venuto a Napoli su invito di un 29enne di Caserta, cui aveva noleggiato poco tempo prima un’Audi. Il 29enne avrebbe dovuto saldare il conto del noleggio e intanto aveva convinto l’imprenditore alla lunga trasferta. Prospettandogli infatti la possibilità di chiudere un affare con altri clienti a suo dire intenzionati a noleggiare delle vetture.