“Ci sara’ un grande spazio nella sanita’. Intanto devo ricordare che abbiamo assunto gia’ 7mila unita’ nel personale del sistema sanitario regionale. Siamo usciti dal commissariamento meno di due anni fa, nel dicembre 2019, abbiamo dovuto fare una rincorsa per integrare il nostro personale dopo i dieci anni di commissariamento. Oggi avremo una grande grandissima opportunita’ perche’ dobbiamo realizzare in Campania 140 case di comunita’, strutture ambulatoriali ospedaliere nei territori”. E’ la rassicurazione del governatore campano Vincenzo De Luca, a Napoli per il giuramento di Ippocrate dei neo dottori.  “Ovviamente si aprira’ una grandissima opportunita’ anche per i giovani laureati – sottolinea – dobbiamo lavorare molto per le scuole di specializzazione perche’ noi abbiamo una carenza, un problema presente in tutta italia, una carenza di alcune figure di specializzati, in modo particolare anestesisti, non ce ne e’ piu’ uno, e medici disponibili a lavorare nei pronto soccorsi. Abbiamo fatto dei concorsi, in qualche caso ripetuti tre volte. Non abbiamo avuto nessun anestesista che si e’ presentato. Questo sta determinando criticita’”.

Quanto alle lettere di licenziamento per gli operatori sanitari inviate dall’ Asl Napoli 1 De Luca osserva: “Dovete chiedere a Asl Napoli1. Noi – ha spiegato – cerchiamo di muoverci nell’ambito di quello che le leggi dello stato ci consento di fare in questo ambito abbiamo il massimo di apertura. Ma altre cose in questo ambito non ne possiamo fare”.