Sono sempre molto pesanti i disagi per lavoratori e studenti fortemente penalizzati dalla soppressione della tratta ferroviaria della Circumvesuviana tra Poggiomarino e Torre Annunziata e viceversa. Con l’insoddisfacente alternativa offerta da navette e bus non ci sono risultati. Spostamenti molto difficoltosi, orari allungati a dismisura, mezzi stracolmi. Ecco la situazione che ormai da circa una settimana si trovano di fronte utenti impossibilitati a raggiungere in tempi accettabili i luoghi di lavoro e le scuole disseminate proprio sul territorio. Con un affollamento di mezzi che è proprio nella direzione opposta a quella della necessita’ di evitare assembramenti.

Proteste e disagi degli utenti trovano sfogo nei social. Molti denunciano anche il silenzio delle amministrazioni locali. Il sindaco di Scafati, Cristoforo Salvati, dopo aver inviato una diffida all’Eav chiedendo il ripristino immediato del servizio, giudica insoddisfacente la risposta alle sue rimostranze. Una è arrivata dal presidente dell’holding ferroviari, Umberto De Gregorio.

“Non servono – dice – le giustificazioni a risolvere il problema. Posso comprendere le difficolta’ della societa’, esprimere solidarieta’ per il momento di crisi che sta attraversando, ma non e’ ammissibile che a pagarne le conseguenze siano sempre i viaggiatori. Le corse soppresse sono da ripristinare quanto prima per evitare che i disservizi prodotti da una scelta aziendale assurda vadano a ripercuotersi sugli stessi viaggiatori”. Salvati annuncia un incontro per domani con i colleghi sindaci di Pompei, Boscoreale e Poggiomarino.