“Chiuso per adozione, finalmente diventiamo ‘genitori’. Cosi’ una coppia adottiva di Napoli decide di spiegare alla clientela, con un cartello affisso sulla saracinesca del negozio (un caseificio), l’assenza dall’Italia. Giovanni e Pina sono partiti per la Colombia dove resteranno per un paio di mesi. A rendere nota la storia e’ l’Associazione Ariete onlus. “Li ammiro – dice Anna Torre, presidente di Ariete – perche’ hanno anteposto l’amore per due bambini agli interessi economici. E cio’ in un momento storico difficilissimo per tutti e per i commercianti in particolare”. I due attendevano da 5 anni questo momento. “Hanno compreso la profondita’ della scelta, il significato dell’adozione” aggiunge la presidente di Ariete, associazione impegnata nel settore delle adozioni internazionali e he ha seguito la coppia.

“E’ l’ennesima dimostrazione della sensibilita’ che spinge tante coppie a donare amore – sottolinea – ed e’ l’ennesima dimostrazione che il piu’ delle volte i genitori adottivi sono lasciati soli nelle loro scelte non sempre facili, non sempre perseguibili fino in fondo. Lo Stato dovrebbe sostenere genitori cosi’. Noi cerchiamo di farlo ma non basta”.