In seguito ad una segnalazione presentata negli uffici della Polizia Locale di Napoli dal personale dell’Azienda del servizio idrico cittadino ABC, gli agenti del Reparto di Tutela Ambientale hanno individuato, e interrotto, una copiosa immissione di reflui speciali nell’area del Vallone San Rocco. Zona rientrante nell’area protetta del Parco delle colline dei Camaldoli. La segnalazione dell’ABC scaturiva dal fatto che, nelle ultime settimane l’impianto di sollevamento comunale, a servizio delle utenze della zona ospedaliera, entrava in allarme. All’interno delle vasche erano recapitati reflui non idonei. Consistenti prevalentemente in fanghi cementizi. Dopo aver percorso un tratto del canale naturale destinato alla raccolta delle acque piovane, giungeva nell’impianto posto a valle mandandolo in tilt.

Gli Agenti della Municipale, guidati dal personale tecnico, percorrevano a ritroso i cunicoli fino a giungere in un cantiere allestito da una ditta privata che stava eseguendo lavori di miglioramento proprio sulla rete fognaria e, anziché gestire il rifiuto liquido come previsto dalla legge, attraverso il recupero e lo smaltimento dei fanghi, lo diluiva e lo immetteva direttamente nel canale di raccolta delle acque meteoriche. Al momento dell’accesso gli Agenti sorprendevano gli operai mentre gettavano i fanghi di scarto dell’attività edilizia all’interno nel canale.