Sul caso del bimbo di soli 5 mesi morto a causa del virus respiratorio sinciziale ci sono undici indagati tra medici e sanitari che hanno tenuto in cura il neonato. La svolta sul decesso del piccolo originario di Pimonte arriva dalla Procura di Torre Annunziata (pubblico ministero Marianna Ricci). Del caso riferiscono oggi alcuni organi di informazione. Tra i sanitari finiti nel registro degli indagati in attesa del conferimento dell’incarico per effettuare l’autopsia sul corpo del bambino. Con ogni probabilita’ l’incarico sara’ dato lunedi’. Mentre il giorno seguente potrebbe svolgersi l’esame autoptico Dunque indagati sono il medico pediatra che seguiva il piccolo. Oltre ai sanitari che per primi hanno visitato il neonato quando i genitori lo portarono al Santobono. In quella circostanza non fu ritenuto necessario il ricovero, e quelli del San Leonardo.

Qui a Castellammare è dove il bimbo di 5 mesi dopo un aggravamento delle condizioni è spirato lunedi’ scorso. Dunque tre giorni dal ricovero avvenuto venerdi’ 5 novembre. Intanto cresce l’allarme sul virus sinciziale nella zona di Castellammare di Stabia, dove un altro bambino e’ ricoverato nel locale ospedale a causa delle difficolta’ respiratorie.