Proseguono senza sosta i controlli dei carabinieri della compagnia di Giugliano in Campania nella cosiddetta terra dei fuochi. I carabinieri della stazione di Qualiano hanno arrestato per combustione illecita di rifiuti una cittadina di origini serbe residente a Qualiano nel campo Rom denominato “costagliola”. I carabinieri – impegnati in un servizio perlustrativo – hanno visto in lontananza una colonna di fumo provenire dal campo nomadi. La nube nera era visibile da chilometri di distanza. Semplice per i militari raggiungere il punto in cui si era sviluppato il rogo. Sono intervenuti ed hanno sorpreso la donna ancora impegnata ad “alimentare” il fuoco con pezzi di arredamento e diverso materiale di plastica.

I carabinieri hanno accertato che la donna avesse appiccato l’incendio utilizzando come innesco un blocco di schiuma espansa. Quest’ultimo considerato rifiuto speciale pericoloso.
Le fiamme domate dai vigili del fuoco allertati dal 112. L’arrestata è stata tradotta al carcere in attesa di giudizio.