Stava effettuando lavori nel suo appartamento abusivi mettendo in pericolo la staticità dell’intero edificio. Per questo la Polizia locale di Napoli ha sequestrato, a Napoli, in via Emanele De Deo, un cantiere. Il proprietario, al terzo piano di un grande condominio, aveva proceduto al taglio del muro portante per una lunghezza di circa un metro e per un’altezza complessiva di metri 4,40. Così da creare un soppalco nuovo in legno da raccordare a un altro preesistente.

Era, inoltre, smantellata la scala in ferro interna ed era in costruzione un’altra in muratura. Una volta verificato che gli abusi commessi minavano seriamente la staticità dei solai, al fine di salvaguardare l’incolumità pubblica e privata ed evitare possibili crolli, gli agenti intervenuti hanno posto l’intero appartamento sotto sequestro. Lasciando la possibilità al proprietario di entrare unicamente per eseguire la puntellatura. Insomma, per la messa in sicurezza del muro portante indebolito.