Era seduta su un muretto a ridosso della banchina che costeggia i binari, a poche decine di centimetri dalle rotaie, la 16enne di Cassano delle Murge che ieri sera e’ stata travolta e uccisa da un treno in transito nella stazione di Acquaviva delle Fonti, nel Barese. La ricostruzione della dinamica dei fatti da parte di Polizia ferroviaria e carabinieri ha gia’ chiarito che si sarebbe trattato di un tragico incidente. Altri giovani che erano sul post al momento della tragedia e amici della vittima sono stati ascoltati fino a tarda ora dagli investigatori, confermando l’ipotesi della fatalita’. L’adolescente non si sarebbe accorta del convoglio che arrivava alla velocita’ di 100 chilometri all’ora, forse distratta perche’ indossava delle cuffiette, e sarebbe stata risucchiata dal treno, sbattendo violentemente contro una carrozza.

Questa mattina il medico legale Biagio Solarino effettuera’ l’esame esterno cadaverico nel Policlinico di Bari e l’orientamento del pm di turno del Tribunale di Bari, Manfredi Dini Ciacci, e’ quello di non fare l’autopsia, perche’ la dinamica e’ chiara e al momento non si ipotizzano responsabilita’.