Si e’ insediata oggi al Comune di Torre Annunziata (Napoli) la commissione d’accesso. Nominati dal prefetto di Napoli, i commissari saranno chiamati a controllare gli atti prodotti dall’amministrazione comunale guidata dal sindaco Vincenzo Ascione ed eletta nel 2017. La commissione d’accesso era stata invocata da diversi parlamentari gia’ all’indomani dell’arresto dell’ex dirigente dell’ufficio Tecnico, l’ingegnere Nunzio Ariano, arrestato il flagrante per avere ricevuto una tangente da 10.000 euro relativa a lavori di adeguamento di alcuni istituti scolastici alle norme Covid e di recente raggiunto in carcere da una terza ordinanza di custodia cautelare.

In vicende relative a questi episodi, fu raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare anche l’ex vicesindaco Luigi Ammendola, poi scarcerato due settimane dopo dal tribunale del Riesame Sull’arrivo della commissione d’accesso al Comune di Torre Annunziata interviene il deputato M5S Luigi Gallo: ”Con l’allora prefetto Valentini – spiega il parlamentare – ci fu subito l’intesa nel voler fermare l’illegalita’ paventata tra le mura del palazzo di governo cittadino. La commissione di accesso e’ un segnale forte, non si insedia se non si hanno abbastanza certezze rispetto agli episodi di connivenza riscontrati. E’ certo che da oggi quelle connivenze saranno al centro delle indagini attraverso cui si fara’ finalmente luce sulle ombre di un’amministrazione. Peccato che il sindaco non si fosse dimesso prima, ma e’ ancora in tempo. La commissione prefettizia avra’ tutto il mio sostegno per accelerare i segnali di legalita”’.