Stazione ferroviaria Eav, Poggiomarino. Il convoglio proviene da Sarno ed è in partenza direzione Napoli. È pieno di pendolari pronti a tornare a casa. Ma il convoglio non può partire. Il capotreno intima a un passeggero di indossare la mascherina anti-Covid e di esibire il titolo di viaggio. Il 35enne, di origini marocchine, rifiuta l’invito. Dopo 20 minuti di ritardo sulla tabella di marcia, intervengono i carabinieri su richiesta del capotreno. E i militari procedono al controllo e agli accertamenti. Perquisito, l’uomo viene trovato in possesso di chiavi e grimaldelli per lo scasso, di mezzo chilo di sigarette di contrabbando. E di una spada (modello “katana”) di 60 centimetri e 5 coltelli a serramanico.

L’intervento è dei carabinieri della locale stazione agli ordini del maresciallo, Angelo Cardone. Sequestrata anche una bici elettrica di dubbia provenienza che l’uomo aveva con sé. Immediata la denuncia per interruzione di pubblico servizio, ricettazione, porto abusivo di armi, possesso di chiavi e grimaldelli.