Minacce, danneggiamento, appostamenti e anche aggressioni fisiche. Una vita d’inferno per una coppia di Sorrento (Napoli) a causa dei comportamenti di un vicino, alla quale la polizia del locale commissariato ha messo fine oggi, eseguendo un’ordinanza applicativa della misura cautelare del divieto di avvicinamento alle persone offese. Il provvedimento, emesso dal gip del tribunale di Torre Annunziata su richiesta della Procura oplontina, e’ scattato di un 42enne, originario di Napoli. L’uomo e’ accusato di atti persecutori e lesioni personali.

Le indagini, durate diversi mesi, hanno permesso di ricostruire le continue vessazioni subite dalle due vittime: ”Spaventate dalla violenza del vicino di casa – spiega in una nota il procuratore della Repubblica di Torre Annunziata, Nunzio Fragliasso – e costrette a cambiare le loro abitudini di vita, modificando i percorsi utilizzati per recarsi e allontanarsi dal luogo di lavoro, hanno deciso finalmente di sporgere querela alle forze dell’ordine, consentendo l’adozione della misura cautelare eseguita nei confronti del loro persecutore”.