A Torre Annunziata i carabinieri insieme alla capitaneria di porto hanno effettuato un servizio ad alto impatto nel rione Provolera. Il target principale dell’operazione, la tutela del consumatore: controlli agli esercizi commerciali, focus sulle pescherie. Non sono mancati, però, gli arresti per droga. I militari hanno ispezionato un’attività commerciale a piazza Cesaro dove sono stati sequestrati 150 chili di prodotti ittici non tracciati, 2500,00 euro la sanzione per il titolare. Stessa sorte per una pescheria di via dei Mille dove i militari hanno rinvenuto e sequestrato 26 chili di merce. Ispezionata anche l’attività di pesca a via del Principio. Rinvenuti e sequestrati 93 chili di prodotti ittici non tracciati e mal conservati. Per il titolare la multa è stata di 6000,00 euro.

Durante le operazione nel quartiere popolare i carabinieri hanno arrestato Alfonso Scoppetta e Giovanna Cirillo, marito e moglie di 35 e 33 anni già noti alle forze dell’ordine. L’abitazione dove l’uomo era sottoposto agli arresti domiciliari per droga, è stata perquisita rinvenendo e sequestrando 16 grammi di marijuana già suddivisa in dosi, materiale per il confezionamento e un bilancino di precisione.

A finire in manette, anche Oreste Maresca per detenzione di droga a fini di spaccio. Il 29enne del posto era già noto alle forze dell’ordine. Nella sua abitazione quasi 20 grammi di marijuana nascosti in un barattolo per le conserve insieme a 2.555,00 euro in contanti di cui ha tentato inutilmente di disfarsi gettandolo dalla finestra. Nella cucina del 29enne sono stati  rinvenuti e sequestrati anche 15 grammi di cocaina e un bilancino di precisone. I tre arrestati sono stati scortati in carcere in attesa di giudizio.