“L’incendio di sabato notte a Montefredane e’ l’ennesimo disastro ambientale in Campania in poche settimane. In fiamme un deposito di tir. Chiediamo indagini approfondite per stabilire la matrice di questo rogo e, soprattutto, un intervento celere all’Arpac per definire le sostanze tossiche immesse nell’aria. E’ il terzo rogo in un’azienda campana in un mese dopo quello nell’area industriale di meta’ settembre a Carinaro e il maxi incendio di Airola di qualche giorno fa. La situazione e’ preoccupante, occorre capire bene cosa sta accadendo perche’, a pagarne le spese, sono i nostri polmoni”. Cosi’ il consigliere regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli.

Sei dei tir distrutti erano carichi. L’incendio, che si ritiene di natura dolosa, e’ divampato nel deposito dell’azienda privata di trasporti Baco Trans. Non si segnalano feriti. L’Arpac ha avviato il monitoraggio ambientale in seguito alla nube di fumo che ha interessato per ore l’intera zona del Nucleo industriale di Avellino. Il sindaco di Montefredane, con una ordinanza, ha disposto la chiusura di tutte le scuole nella giornata di domani, il divieto di frequentare giardini e strutture sportive all’aperto e quello di raccolta dei prodotti agricoli. Indagini in corso da parte dei carabinieri del Comando provinciale di Avellino.