Un occhio al cielo, l’altro alle app sulle previsioni meteo consultate compulsivamente per controllare in diretta live i movimenti del fronte del maltempo. Tra la Calabria meridionale e la Sicilia orientale sale la preoccupazione per l’arrivo nelle prossime ore dell’uragano Medicane, il ciclone che potrebbe riportare piogge molto intense come quelle giorni scorsi nella piana catanese dove sono caduti fino a 300 millimetri d’acqua in due ore. Tre le vittime, trascinate vie da acqua e fango.

I venti potrebbero superare i 100 chilometri orari, con mareggiate e onde alte fino a 4 o 5 metri. Medicane potrebbe insomma diventare un uragano di categoria 1, la più bassa delle 5 previste. Una scala che siamo abituati a sentire per gli eventi estremi negli Usa e nei Caraibi.