I Carabinieri della stazione forestale di Marigliano (Na), nell’ambito dei servizi disposti dal Gruppo carabinieri Forestale di Napoli, insieme ai volontari della Lipu di Napoli hanno sorpreso nelle campagne acerrane un uomo intento a cacciare con l’utilizzo di un richiamo acustico elettromagnetico. Controllato, spiega una nota dell’Arma, lo hanno trovato in possesso di un fucile beretta calibro 12. All’arma era tolto il riduttore per permettere una maggiore quantità di carico delle cartucce e sparare più colpi.

Il 50enne è finito denunciato a piede libero all’Autorità giudiziaria per esercizio dell’attività venatoria con mezzi non consentiti. Oltre che per l’alterazione delle caratteristiche tecniche del fucile. Il fucile è sotto sequestro così come le 50 cartucce e il fonofilo. Richiamo comprensivo di cassa, batteria e di 2 schede che producono il canto di diverse specie di avifauna, anche di quelle protette. Elevate nei confronti del bracconiere anche diverse sanzioni amministrative per un importo di circa 700 Euro.