Due ordigni esplosivi artigianali rispettivamente di 150 e 210 grammi sono stati scoperti dai Carabinieri del comando provinciale di Napoli nell’ambito dei servizi di controllo del territorio nel quartiere di Scampia. Gli ordigni sono stati recuperati e fatti brillare dagli artificieri de presso la cava di Terzigno. I militari della compagnia Stella, in particolare, hanno setacciato la zona con perquisizioni mirate nel Lotto T-R e nella Torre A/2. Arrestato con l’accusa di detenzione di sostanza stupefacenti a fini di spiaccio un 36enne del posto, già noto alle forze dell’ordine. I militari dell’Arma hanno fermato l’uomo a bordo del suo scooter e lo hanno controllato. Perquisito, è stato trovato in possesso di 56 dosi di “cobret” e della somma contante di 388 euro ritenuta provento dell’illecito. L’uomo è stato tradotto al carcere in attesa di giudizio.

Durante le operazioni, i Carabinieri hanno effettuato diverse perquisizioni all’interno del blocco di edificio chiamato Torre A 2 e lì – in aree comuni – sono stati rinvenuti e sequestrati una pistola smith&wesson calibro 257 con matricola abrasa caricata con 4 proiettili calibro 357 e 2 calibro 38 special, 59 proiettili calibro 6.65, , 228 grammi di eroina suddivisi in 239 dosi pronte alla vendita, 1 chilo di sostanza da taglio, 2 chili di cilindretti in plastica. Sequestrati, infine, anche un coltello ed un cucchiaio utilizzati per il confezionamento dello stupefacente.