Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli, nel corso di una serie di interventi ispettivi operati tra il capoluogo e l’area metropolitana, ha sottoposto a sequestro 3.386.000 articoli “non sicuri” e privi delle certificazioni minime di sicurezza e di indicazioni per il consumatore, quali il produttore e la descrizione delle caratteristiche in lingua italiana. In particolare, il Gruppo della Guardia di Finanza di Nola, nel corso di due distinti interventi, tra Nola e Piazzolla di Nola, ha sequestrato presso altrettanti negozi di articoli per l’illuminazione e prodotti non alimentari gestiti da cittadini cinesi, 3.250.000 tra articoli elettrici, per l’estetica accessori ornamentali, per acquario, per ufficio e scolastici non sicuri, di dubbia provenienza, di manifattura incerta e potenzialmente pericolosi per la salute.

La documentazione fornita e le informazioni riportate sugli articoli, liberamente esposti sugli scaffali per la vendita, non sono risultati essere sufficienti a garantire genuinità e sicurezza. Sempre in provincia sono stati sequestrati dai finanzieri del Gruppo di Frattamaggiore, presso un emporio cinese di Caivano, oltre 130.000 articoli non sicuri per uso domestico.

Infine, i “Baschi verdi” del Gruppo Pronto Impiego di Napoli nel corso di un servizio contro l’abusivismo commerciale in piazza Carolina – angolo via Chiaia, zona interdetta al commercio ambulante, hanno sequestrato oltre 6.000 pezzi tra occhiali e cover per cellulari privi di marchi o con marchi palesemente contraffatti. Quattro nel complesso sono i responsabili sanzionati, 2 denunciati all’Autorità Giudiziaria e altrettanti segnalati alla Camera di Commercio per violazioni di natura amministrativa.