Si terranno alle 12 di domani, nella chiesa di Santa Maria degli Angeli alle Croci di Napoli, le esequie del piccolo Samuele, il bimbo di 4 anni ucciso venerdì scorso a Napoli dal domestico che l’ha preso in braccio e lo ha lasciato cadere nel vuoto, quando la mamma, all’ottavo mese di gravidanza, si è recata in bagno per per un lieve malore.

Oggi pomeriggio, intanto, si è svolta, nel Secondo Policlinico, l’esame autoptico disposto dalla Procura che sta indagando sull’accaduto e che accusa il domestico, Mariano Cannio, di 38 anni, di omicidio volontario aggravato.