Personale del Commissariato di polizia di Pompei, in esecuzione di un’ordinanza applicativa della misura cautelare della custodia in carcere emessa dal Giudice per le indagini preliminari di Torre Annunziata su richiesta della Procura della Repubblica, ha proceduto all’arresto di A.D.M. in quanto gravemente indiziato del reato di spaccio di sostanze stupefacenti. Nella tarda mattinata del 3 luglio, a seguito di una segnalazione anonima relatlvà alla possibile consegna di sostanze stupefacenti presso l’abitazione di A.D.M., residente a Pompei e sottoposto al regime degli arresti domiciliari con braccialetto elettronico per il medesimo reato, gli agenti hanno effettuato una perquisizione.

Nelle pertinenze dell’abitazione, nascosti nei pressi di un Madonnina in gesso, venivano ritrovati 20,85 grammi di marijuana e 10,15 grammi di hashish. Dalle indagini è emerso che A.D.M. continuava a gestire la sua piazza di spaccio di sostanze stupefacenti anche durante l’applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari con braccialetto elettronico.