Serve una risposta concreta a Torre Annunziata. È ciò che emerso dall’incontro avuto tra i parlamentari Sandro Ruotolo e Paolo Siani con il prefetto Marco Valentini. Insieme a una delegazione del comitato di liberazione dalla camorra nato in città, i parlamentari hanno voluto incontrare Valentini per provare ad accendere i riflettori sulla situazione cittadina. Situazione che è ormai già nota vista anche l’attenzione che la prefettura ha riservato all’emergenza con la convocazione, in meno di 12 mesi, di quattro comitati per l’ordine e la sicurezza dedicati. Il dato più impressionante che è stato dato alla delegazione riguarda il tasso d’incidenza della camorra in città. Sono 346 le persone condannate in via definitiva per associazione mafiosa su un territorio che fa registrare meno di 40mila abitanti. In pratica un cittadino su 100 ha un passato da camorrista.

Il prefetto ha poi denunciato di aver già dato delle prescrizioni all’amministrazione comunale che non sono ancora state rispettate e per le quali resta in attesa. Una su tutte la situazione del sistema di videosorveglianza cittadino che va ripristinato in alcuni punti.