Si è conclusa la caccia all’uomo nei confronti di Antonino Sciuto, 38 anni, l’ex fidanzato, maggior indiziato del delitto, che avrebbe ucciso a colpi di pistola l’ex fidanzata Vanessa Zappalà, la scorsa notte ad Aci Trezza (Catania). I carabinieri del comando provinciale di Catania lo hanno trovato impiccato in una campagna di proprietà della famiglia. Sciuto era già stato arrestato lo scorso giugno per maltrattamenti in famiglia e atti persecutori dopo la denuncia dell’ex fidanzata. Il giudice gli aveva imposto il divieto di avvicinamento alla ragazza.

La sparatoria è avvenuta verso le tre della notte scorsa, vicino al porticciolo del lungomare di Acitrezza, frazione marinara dove Verga aveva ambientato i suoi’ Malavoglia’. La vittima era in compagnia di alcuni amici quando l’ex fidanzato con il quale aveva interrotto la relazione in maniera brusca si è presentato, pare chiedendo un chiarimento, e le ha sparato diversi colpi di arma da fuoco, uccidendola.

Nella sparatoria è rimasta ferita di striscio alla spalla un’amica della vittima. Sul posto sono intervenute diverse ambulanze e i carabinieri della stazione di Aci Castello, della compagnia di Acireale e del comando provinciale Catania che hanno avviato subito le indagini. L’uomo era stato denunciato per stalking da Vanessa Zappalà. Per quel reato la Procura di Catania aveva chiesto e ottenuto dal Gip che fosse posto agli arresti domiciliari. Attualmente era sottoposto al divieto di avvicinamento.