«Le immagini che ci arrivano dal Vesuvio fanno male al cuore. Oltre al dramma delle famiglie costrette ad evacuare, c’è il disastro ambientale. Ci vorranno decenni perché la situazione torni come prima. Chi si candida alla guida della città di Napoli sarà anche il sindaco della città metropolitana. Ci impegneremo affinché la tutela e la messa in sicurezza del Parco nazionale del Vesuvio sia una priorità. Il paesaggio e la natura sono un bene che non possiamo permetterci di perdere». Così il candidato sindaco di Napoli, Catello Maresca. Il sindaco di Somma Vesuviana, Salvatore Di Sarno, spiega che l’altra notte un cittadino avrebbe scoperto ben tre inneschi di incendio. «A quanto pare tali inneschi sarebbero stati anche filmati e documentati da questo cittadino del quale non svelerò il nome. Appena avuta la segnalazione ho provveduto ad inoltrarla personalmente all’Arma dei Carabinieri.

Gli inneschi sarebbero stati trovati in località Rione Trieste e solo grazie al pronto intervento di questo cittadino, con l’aiuto di altri cittadini è stato evitato il peggio e dunque che potesse propagarsi un incendio notturno». «Ora, non escludo che tali immagini possano essere al vaglio degli inquirenti e per questo motivo preferisco non divulgarle. È chiaro che saranno le forze dell’ordine ora ad indagare, ma qualora tali inneschi dovessero essere confermati ci troveremmo dinanzi ad un dato almeno preoccupante. Nel pomeriggio di sabato Somma Vesuviana è stata interessata ancora da un incendio, questa volta presso l’alveo Ammendolara nella zona a Monte».