Il nuoto viene spesso indicato come un vero ed unico sport, altamente completo è molto utile per lo sviluppo dell’organismo umano; Bene ma non BENISSIMO .
Ciò che molte volte non viene spiegato è che il nuoto non è proprio ideale, in vari format .
Nell’eta di sviluppo ; maggiormente le ragazze, in fase pre-adolescenziale, ciò che viene tralasciato è il fattore postulare, tutti noi abbiamo vari problemi derivanti dalla Postura o meglio legati alla colonna vertebrale, i famosi “Paramorfismi (atteggiamenti postulai altamente scorretti), se non trattati in tempo possono mutare in “Dismorfismi (scoliosi, cifosi accentuate, iperlordosi,problematiche irreversibili).
Il nuoto, spesso viene indicato anche dal medico curante come uno dei migliori sport in assoluto, ma prima di decidere o consigliare, bisognerebbe avere un quadro clinico (radiografia del proprio rachide), a fine di capire se sono presenti paramorfismi o dimorfismi,e al 99 % dei casi in questa età
pre-adolescenziale
SONO MAGGIORMENTE PRESENTI, nella donna a causa dello sviluppo del seno
(peso maggiore in avanti, spostando l’equilibrio fisiologico della colonna vertebrale)
Il nuoto inoltre non consente una corretta auto-correzione non vedendo il proprio corpo, quindi in poche ed uniche parole, il nuoto AUMENTA i Paramorfismi, fa lavorare i muscoli in deviazione rafforzandoli e bloccando la normale correzione a fini posturali.
Inoltre il nuoto non avendo un saldo appoggio podalico, non trasmette le informazioni correttive allo schema corporeo, a fine da avere una giusta correzione posturali.
Quindi dopo aver descritto svariati punti a suo sfavore, si può arrivare ad una conclusione che molte volte prima di praticare uno sport, bisogna accertarsi di POTER PRATICARE QUELLO SPORT, riportando un quadro clinico molto preciso, per poi successivamente avere la pratica sportiva.
Il mio consiglio personale come alternativa è la Palestra correttiva, o meglio posturale con una personale altamente qualificata, da far capire al cliente oltre che rapportare una corretta postura, ma aumentare le basi con il carico di lavoro a fine da dare la corretta postura in rapporta alla normale e continua gravita a cui siamo sottoposti.