Ha chiamato i carabinieri per sapere quando fosse ripresa l’erogazione dell’acqua in casa che era stata sospesa a causa della rottura di una condotta. Ai militari un’anziana donna di 92 anni di Casoria (Napoli) ha raccontato di essere da sola in casa e di non sapere come fare per affrontare l’inaspettata emergenza. Dopo pochi minuti però un brigadiere ed un carabiniere della tenenza di Arzano si sono presentati in casa della nonnina portando diverse bottiglie di acqua che le sono servite per lavare e cucinare.

Continuano i disagi in diversi comuni del Napoletano e del Casertano dopo la rottura, avvenuta domenica scorsa, di una tubazione della condotta idrica regionale a Caivano (Napoli). Nonostante un bypass creato nella notte, infatti, molti cittadini di Afragola, Cardito e Casoria, lamentano ancora la scarsa pressione, soprattutto ai piani alti, e disagi nell’approvvigionamento.