La Polizia Penitenziaria del carcere napoletano di Poggioreale ha sequestrato 500 grammi di hashish che un 48enne italiano custodiva negli slip. Lo rende noto l’Osapp. Il detenuto e’ stato perquisito subito dopo avere terminato il colloquio con un familiare. Secondo quanto sottolineano i segretari regionali dell’Osapp in Campania Vincenzo Palmieri e Luigi Castaldo, “nonostante le grosse difficolta’ operative di cui e’ vittima il ‘G.Salvia’ a causa di un’atavica carenza di organico, l’esiguo personale presente in servizio durante questo critico periodo estivo, insospettito dagli atteggiamenti del ristretto, e’ riuscito comunque a sequestrare la droga”.

“Purtroppo – ricordano i due sindacalisti – la sicurezza all’interno degli istituti penitenziari campani e specie al Salvia, dove si effettuano dai 300 ai 400 colloqui al giorno, e’ severamente a rischio per la mancanza di risorse umane e tecnologiche”. “Servirebbe quantomeno e non solo, – ribadiscono – l’impiego costante e permanente delle unita’ cinofile affinche’ si possa contrastare in maniera piu’ efficace l’introduzione di sostanze stupefacenti o altro materiale illecito non consentito, viste le varie criticita’”. Dal segretario generale Osapp Leo Beneduci giunge “il plauso al personale di Polizia Penitenziaria in prima linea che con alto senso del dovere espleta con zelo il proprio mandato istituzionale mettendo in sicurezza i penitenziari, come quello di oggi a Poggioreale”.