Paura per una scossa di terremoto nel centro di Palermo. Alle 6.14 la terra ha tremato in molti quartieri. Secondo il dato definitivo comunicato dall’Ingv è di magnitudo 4.3 la forte scossa di terremoto registrata dai sismografi nel palermitano, con epicentro al largo della costa centro settentrionale siciliana. La scossa, avvertita distintamente dalla popolazione, soprattutto nei centri delle Madonie, è stata preceduta da altri due eventi sismici di intensità minore, alle ore 5:23 e alle 5:39, di magnitudo 2.0. I centralini dei vigili del fuoco e della Protezione Civile stanno ricevendo centinaia di telefonate da persone allarmate, ma fino ad ora non si registrano danni.

È stata avvertita in un’ampia area attorno a Cefalù e ha provocato qualche attimo di paura la forte scossa di terremoto registrata all’alba sulla costa settentrionale siciliana. L’evento sismico ha agitato il risveglio di molti turisti che si sono riversati nelle hall delle strutture alberghiere. Tutti sono poi rientrati tranquillamente nelle camere. «In camera da letto ho sentito l’armadio ballare», dice il sindaco di Cefalù Rosario Lapunzina, che dopo alcune telefonate di controllo si è rassicurato. La scossa è stata percepita nella sua intensità soprattutto a Campofelice di Roccella, Lascari e Gratteri. Ma segnalazioni sono arrivate da diversi centri delle Madonie (Isnello, Pollina e Castelbuono) e dai paesi vicini come Tusa sul versante orientale e Termini Imerese su quello occidentale.