Si è appena conclusa la prime wine experience targata Autoctono Campano, il collettivo di blogger, giornalisti e Sommelier alla scoperta del Patrimonio vitivinicolo campano. Quattro le Cantine visitate dai partecipanti, tutte parte del Consorzio Tutela vini del Vesuvio DOP e posizionate sul versante meridionale e occidentale del vulcano: Tenuta le Lune del Vesuvio (Terzigno), Casa Setaro (Trecase), Sorrentino Vini (Boscotrecase) e Bosco de’ Medici (Pompei).

Una full immersion di 3 giorni in cui, oltre alle visite ed alle degustazioni, non sono mancati momenti di collettività ed integrazione territoriale, lasciando ampio spazio alla compagine culturale ed artistica del territorio. Ben 18 gli appassionati che hanno risposto entusiasti all’invito, generando una “Piccola Italia” alle falde del Vesuvio date le presenze da ogni parte dello stivale, da Domodossola a Catania.

Alla scoperta dei leggendari vini come il Lacryma Christi ma anche delle varietà autoctone meno conosciute, come il Caprettone e la Catalanesca, dialogando con le nuove community di appassionati e le nuove sfide del mercato.

A condire il tutto, le autorità politiche e dell’artigianato locale non hanno fatto mancare il loro calore, accogliendo i partecipanti e destinando loro una speciale Gift Box di prodotti tipici del Vesuvio. Un grande successo che lascia intravedere altri eventi all’orizzonte nella regione Campania, territorio sempre pronto a far apprezzare il proprio AUTOCTONO CAMPANO.