Si susseguono le manifestazioni d’odio contro la Polizia Penitenziaria dopo le notizie dei pestaggi dei detenuti avvenuti il 6 aprile 2020 nel carcere casertano di Santa Maria Capua Vetere. Dopo quelli trovati a Roma e a Cagliari dei giorni scorsi, questa volta uno striscione denigratorio con la scritta “Polizia Penitenziaria = Mafia.

Il carcere è tortura, Aboliamolo!” esposto a Pozzuoli, in provincia di Napoli. Nei giorni scorsi il provveditore reggente delle carceri della Campania Carmelo Cantone, attraverso una circolare, ha consigliato ai poliziotti della Penitenziaria di recarsi al lavoro indossando abiti civili e non la divisa, per evitare di farsi riconoscere in strada ed esporsi al rischio di ritorsioni.