La Polizia ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip di Napoli su richiesta della Direzione distrettuale antimafia partenopea, nei confronti di 8 persone ritenute gravemente indiziate, a vario titolo, di concorso in tentato omicidio, ricettazione, porto e detenzione di armi da fuoco, anche alterate, e di oggetti atti ad offendere, spari con armi lungo la pubblica via, tentata estorsione e furto.

Si tratta di delitti per i quali è riconosciuta, tra altre, l’aggravante del metodo mafioso. L’ordinanza è eseguita dalla Squadra Mobile di Caserta, con la collaborazione della Squadra Mobile, del Reparto Volo e del Reparto Cinofili di Napoli, del Reparto Prevenzione Crimine Campania, dei Commissariati di Aversa, Frattamaggiore e Giugliano in Campania, nonché di personale della Polizia Scientifica di Caserta.Al centro delle indagini i fatti accaduti nella notte tra il 13 e il 14 agosto 2019 a Castel Volturno ( Caserta), quando tre giovani rimasero vittime di un agguato a colpi di fucili a canne mozze.

Le vittime erano in auto quando li accerchiarono da un gruppo di ragazzi a bordo di scooter che prima bloccarono l’auto, poi ne fecero bersaglio di colpi con mazze da baseball e infine esplosero colpi di arma da fuoco. Nella circostanza, uno dei tre giovani è rimasto ferito alla spalla da un proiettile.