Sequestra a Terni l’ex fidanzata che come lui vive a Rimini, appena scesa dal bus che la stava riportando nella regione d’origine di entrambi, la Campania. La fa salire a forza sull’auto e la violenta, dopo averla massacrata di botte, in una piazzola di sosta dell’autostrada a1, tra i caselli di Cassino e Caianiello. Lo stupro, però, non è passato inosservato da una pattuglia della polizia stradale di Cassino che ha salvato la donna mentre l’uomo la stava inseguendo lungo la corsia d’emergenza per continuare a darle una lezione.

Lui è finito in manette per violenza sessuale e lesioni personali gravi e rinchiuso nel carcere napoletano di Poggioreale, mentre la vittima, dopo essere medicata in ospedale, è finitasotto protezione.