“Somma Vesuviana non e’ una citta’ di violenti – ha dichiarato Salvatore Di Sarno, sindaco di Somma Vesuviana – ma di persone accoglienti. Quanto e’ accaduto questa notte con l’accoltellamento di un ragazzo minorenne e’ un fatto grave Persone che girano con un coltello in tasca? E’ molto grave! Siamo dinanzi ad un evento che richiama l’attenzione su molteplici tematiche. In citta’ abbiamo installato ben 24 telecamere, inclusa Via Roma, probabilmente Somma e’ il paese piu’ video – sorvegliato dell’area vesuviana ed abbiamo chiesto il finanziamento per installare altre 30 telecamere. Non conosciamo la dinamica dei fatti ma pongo una riflessione sulla violenza che c’e’ nel mondo giovanile come da cronache relative a fatti che si sono registrati anche in altre citta’ italiane”.

E ancora: “Noi a Somma Vesuviana abbiamo attivato per i giovani uno sportello di ascolto con team di psicologi. Non si puo’ pensare solo al controllo, alla repressione ma anche alla prevenzione con la capacita’ di ascoltare i giovani e le famiglie. Io ringrazio vivamente le forze dell’ordine ed il corpo dei vigili urbani, anche se gli uomini a disposizione spesso sono pochi”.