“La candidatura della citta’ di Nola a Capitale del Libro 2022, da parte della Regione Campania, attesta l’enorme valore storico e culturale della citta’ di Giordano Bruno e stimola noi tutti, esponenti del mondo della politica e delle istituzioni, amministratori locali e realta’ civiche, a rimboccarci le maniche. La sola candidatura a un evento culturale di cosi’ alto rilievo e’ motivo di grande orgoglio per la comunita’ di Nola e per l’intero hinterland, ma e’ soprattutto una sfida che possiamo e dobbiamo assolutamente vincere. In un momento di rinascita e di ricostruzione di territori martoriati dalla crisi Covid, abbiamo l’occasione di far conoscere il patrimonio immenso della citta’ di Nola e del suo comprensorio, ricchi di tradizioni, folklore e storia”. Lo dichiara infatti il deputato del Movimento 5 Stelle Luigi Iovino. Ieri l’annuncio della candidatura da parte del presidente della Campania, Vincenzo De Luca.

“Dobbiamo fare rete, superare ogni divisione e lavorare per un obiettivo comune. La scelta di Nola segue l’ottimo riscontro della rassegna “Napoli Citta’ del Libro”, nella cornice straordinaria di Palazzo Reale. Una grossa responsabilita’, da affrontare con la consapevolezza che questa citta’, caratterizzata da sempre da un grande fermento culturale e sociale, e’ in grado di competere con qualunque altra realta’”.