“Resistiamo, ma il paese è sotto choc, lo scenario che hanno visto è stato peggio di qualsiasi film sull’Apocalisse’. Quando ho letto queste parole, ho subito chiamato l’autore. Ho telefonato a Diego Loi, consigliere regionale e sindaco di Santu Lussurgiu, uno dei paesi più colpiti dall’immenso rogo che ha devastato la Sardegna per dirgli che so benissimo cosa si prova in questi momenti, che comprendo il suo dolore e quello della sua comunità per averlo vissuto nel 2017. Gli ho espresso solidarietà e vicinanza a nome di tutti i vesuviani, ma ho condiviso con lui anche una riflessione: in situazioni del genere gli interventi devono essere tempestivi, nemmeno un minuto da perdere per fermare le fiamme”. Lo scrive su Facebook Luca Capasso, sindaco di Ottaviano (Napoli), uno dei comuni maggiormente interessati dagli incendi che nel 2017 hanno flagellato il Vesuvio.

“Ben venga la cooperazione con i mezzi messi a disposizione dall’Unione europea – aggiunge Capasso – ma l’Italia dovrebbe rafforzare ed incentivare i propri mezzi, in virtù del fatto che gli incendi boschivi, sono fenomeni che si stanno intensificando. Un abbraccio, Diego. Un abbraccio a tutta la comunità sarda”, conclude il sindaco di Ottaviano.