Non ha gradito l’indossare la mascherina mentre era a bordo del bus e alla vista dei poliziotti, chiamati dall’autista del mezzo, è andato in escandescenza. È sceso, ha raccolto dei cocci di vetro da un cassonetto e li ha lanciati in direzione del pullman danneggiandolo fino a quando, non senza difficoltà, lo hanno bloccato. Protagonista della vicenda, accaduto in via Cesaro Console, a Napoli un giovane egiziano di 22 anni che ora deve rispondere di danneggiamento, minacce e resistenza a Pubblico Ufficiale A chiedere l’intervento degli agenti del Reparto Mobile di Roma, impiegati nei servizi di ordine pubblico in occasione dell’evento internazionale del G20, è stato l’autista del autobus che, poco prima, aveva chiesto ad un passeggero di indossare la mascherina.

Gli agenti, con il supporto di personale del Commissariato Dante, hanno identificato l’uomo e lo hanno denunciato per danneggiamento, minacce e resistenza a Pubblico Ufficiale.