Home Articoli in Evidenza Femminicidio a Somma Vesuviana, le coltellate mentre i due figli erano nel...

Femminicidio a Somma Vesuviana, le coltellate mentre i due figli erano nel supermercato

E’ la gelosia a spingere Francesco Nunziata, 70enne titolare dei supermercati “Cuori e Sapori Superstore” a Somma Vesuviana e a San Gennaro Vesuviano (Napoli), ad uccidere la moglie, Vincenza Tortora, di sette anni piu’ giovane, ed a ferire gravemente un fornitore del punto vendita, di 46 anni, che sospettava avesse una relazione con lei. L’omicidio e’ avvenuto poco prima delle 9,30 di ieri nel parcheggio del supermercato di via Marigliano a Somma Vesuviana, dove l’imprenditore ha affrontato il 46enne originario di Sant’Anastasia, con l’intento di verificare se l’uomo avesse una relazione con sua moglie.

Lo ha affrontato armato di un coltello, convinto della tresca clandestina, e lo ha ferito per poi rivolgersi contro la moglie e colpirla a morte. Secondo alcune testimonianze, marito e moglie poco prima avevano avuto una violenta lite. Dall’interno del supermercato, richiamati dalle grida, sono usciti dipendenti e clienti, ma Nunziata era gia’ fuggito. La 63enne era gia’ morta all’arrivo dei soccorsi, mentre i figli che erano nel supermercato sono accorsi a delitto ormai consumato. Le condizioni del 46enne, un commerciante di latticini della vicina Sant’ Anastasia, erano sembrate inizialmente non gravi, ma, dopo il ricovero all’ospedale di Nola, sono apparse preoccupanti ai medici. L’uomo e’ attualmente ricoverato in prognosi riservata.

Nunziata, invece, alcune ore dopo l’accaduto e’ andato a costituirsi nella caserma dei carabinieri di Ottaviano, dove ha confessato il delitto. L’ uomo e’ stato interrogato dal pm della Procura di Nola Aurelia Caporale. Deve rispondere di omicidio, tentativo di omicidio, e porto abusivo d’ arma.

Posting....
Exit mobile version