Alberto Fontana è morto dopo la puntura di una vespa. È morto a causa dello shock anafilattico provocato dalla puntura dell’insetto. Il 52 enne stava sistemando un pannello fotovoltaico sul tetto, quando lo ha attaccato uno sciame di vespe e per Alberto Fontana non si è potuto fare nulla. L’uomo, residente in località Osteria della Fontana ad Anagni in provincia di Frosinone, ha subito avvertito i familiari e sul posto sono arrivati i vigili del fuoco, un’automedica del 118 e un’ambulanza.

A causa dello shock anafilattico i soccorritori hanno dovuto utilizzare il defibrillatore, ma dopo circa un’ora il cuore di Alberto Fontana ha smesso di battere. La causa della morte è l’arresto cardiocircolatorio dovuto proprio allo shock anafilattico provocato dal veleno dell’insetto. Fontana lascia la moglie e due figli.