Si chiamava Emanuele Melillo, il 33enne autista dell’Atc alla guida del minibus uscito fuori strada e precipitato da un’altezza di circa 5 metri questa mattina a Capri. Tra qualche mese sarebbe diventato padre. Ancora da definire le cause dell’incidente, non si esclude che Melillo sia stato colto da malore. Per lui non c’è stato nulla da fare, i sanitari ne hanno constatato il decesso sul posto. “Era stimato e benvoluto da tutti”, dichiara il sindaco di Capri Marino Lembo, che ha espresso il suo cordiglio alla famiglia del giovane autista.

“E’ stato un volontario del corpo militare volontario di Croce Rossa, una persona speciale, sempre pronta ad aiutare gli altri”. Cosi il capitano Raffaele De Rosa, comandante del Naapro di Napoli, del Corpo militare della Croce Rossa Italiana ricorda Emanuele Melillo, il giovane conducente del bus morto nell’incidente avvenuto nella mattinata di oggi a Capri. “Alla famiglia di Emanuele – dice commosso De Rosa – vogliamo esprimere il nostro cordoglio e la nostra vicinanza” .